Intraprenditori costruttori di benessere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Imprenditori si nasce

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

imprenditori si diventa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo volens

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Imprenditore” a me? Ci sarai!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Innanzitutto facciamo chiarezza: “imprenditore” non è

una brutta parola...

 

Nel linguaggio comune chiunque eserciti un'attività

economica organizzata - agricola, industriale o

commerciale, piccola o grande che sia - e lo faccia

professionalmente, a fini economici, attraverso la

produzione o lo scambio di beni o servizî, insomma

chiunque con capitali propri crei e/o gestisca

un'“impresa”.

 

 

A volte lo si è chiamato con un certo arricciamento di

naso “impresario”, “industriale”, “uomo d'affari”,

ghettizzandolo anche ideologicamente nelle grandi

aziende e vicino ai grandi capitali, ma sta di fatto che lo

sia altrettanto il contadino, l'artigiano, il commerciante,

il libero professionista e, in senso lato, chiunque sappia

fare, voglia fare e faccia qualcosa di socialmente valido, 

rilevante per la Comunità, “intraprenda” cioè un lavoro,

un'opera, realizzi una propria “visione” o, perché no, un

“sogno”.

 

Sarebbe forse meglio chiamarli “intraprenditrici” e

“intraprenditori” o semplicemente creatori di benessere

(poi è tutt'altro discorso se, per raggiungere più in

fretta i propri fini economici o gratificare il proprio

insaziabile ego, lo si faccia più o meno onestamente o si

scelga piuttosto di abusare di risorse - mezzi e persone

- contro ogni etica e morale sociale per farlo addirittura

in modo criminale... ma questo non è “fare impresa”!)

 

 

Pensi anche tu che gli imprenditori di successo siano dei

“grandi geni”?

 

Niente di più sbagliato!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Salvo rare eccezioni, è storicamente e statisticamente

più che provabile, come la tenacia - e non il genio - sia

la qualità che li distingue:

 

- Se credi in una cosa, la fai costi quel che costi

 

- Se ci credi veramente, la porti avanti con tutte le tue

forze

 

- Se ci credi più che in ogni altra cosa, diventa una

scelta di vita, ti “realizza”

 

- Se ci credono anche altri, allora diventa una visione

condivisa, avrà successo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Chi fa da sé”... fa ben poco!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un altro particolare è che impresa non si fa da soli,

qualcosa di “socialmente rilevante” la si fa insieme ad

altri, include necessariamente gli altri.

 

Sarebbe un controsenso...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Semplicemente perché in realtà le “aziende” non

esistono, né private né pubbliche, le persone invece sì.

 

E fare impresa, qualunque ne siano le finalità

(soddifare bisogni individuali o sociali reali o inventarne

di superflui) ed i contenuti (di eccellente o discutibile

qualità o addirittura in qualsivoglia modo nocivi), è

essenzialmente basato sulla rete di relazioni che una

persona “trainante” è capace di creare, consolidare e

sviluppare in forma organizzata di gruppo, per poi

allargarla ad altre persone ed altri gruppi, sempre più

numerosi.

 

 

Per merito intrinseco questo si chiama mettere in rete

le reti, mettere cioè in comune idee, abilità, risorse e

attività della propria “rete” individuale privata, sociale

e professionale a mutuo vantaggio, per realizzarsi

meglio, rafforzarsi competitivamente, avere successo.

 

 

E funziona... per ogni tipo di organizzazione, vuoi

aziendale, civica, religiosa, massonica o politica, come

imprese, associazioni, chiese, logge, partiti (finanche

per piccole e grandi mafie o semplici criminali, da cui

gangster, associato di una gang)!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Homo volans

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con i piedi per terra?!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiunque voglia intraprendere a fare qualcosa deve

necessariamente possedere una buona capacità di

risolvere problemi, nel migliore dei modi, cioè secondo

le circostanze e con quanto ha a disposizione, con

risposte ed azioni “adeguate”, all'istante se così

richiesto, sicuramente nel breve periodo e a lungo

termine.

 

Ma sempre con una visione chiara del futuro della

propria azienda e del suo business, dote questa tipica

di tutti gli imprenditori cosiddetti “visionari”: saper

vedere avanti, anticipare i tempi e comprendere dove

girerà il vento, quando gli altri neppure si accorgono

della sua prima brezza.

 

 

Tutti gli imprenditori dovrebbero in qualche modo

immaginare il miglior futuro possibile per la propria

impresa in modo da poterlo realizzare, all'accelerante

ritmo dei cambiamenti tecnologici e sociali odierni

indispensabile per sfruttarne possibilmente i vantaggi,

anche perché subirli potrebbe significare la fine.

 

Una sfida al successo che inizia dalla visione “positiva”

del futuro a stimolare una cultura di apprendimento

“permanente”, che incoraggi a porsi domande difficili e

a prefiggersi obiettivi forse solo al momento

apparentemente irraggiungibili, seguendo le macro-

tendenze e immaginandone gli effetti, ma anche

ascoltando le persone, scoprendo i talenti dei singoli,

assecondando le proprie passioni, in altre parole

imparando con entusiasmo e volando senza sosta.

 

 

Rimanere con i piedi ben piantati per terra è ottimo

e saggio consiglio, soprattutto quando tiri forte vento.

 

Ma garantisce una cosa sola: non volare mai!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il discorso del successo vale per qualsiasi azienda, dalla

più piccola alle multinazionali, perché è così che il

successo si costruisce - apprendendo, immaginando, ma

soprattutto anticipando e anche rischiando.

 

Non c'è posto per imprenditori “pigri” e le imprese più

difficili da salvare sono proprio quelle del “noi abbiamo

fatto sempre cosìe “qui da noi tutto va bene”!

 

 

Se volare ti ispira e ti tenta (pur essendo pienamente

consapevole di quello che è capitato al povero Icaro), se

ci provi, cadi, ti fai male, ti rialzi e ci riprovi...

 

Beh, allora siamo spiacenti di confermarti che sia tu che

noi abbiamo contratto la stessa malattia, assolutamente

“incurabile”.

 

 

Questi sono sintomi inconfondibili d'“imprenditorialità”,

o natura imprenditoriale.

 

Se farla crescere o no fino all'“imprenditoria, al fare

impresa, è tutta un’altra storia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quelle strane idee...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Certo che se il genere umano avesse sempre pensato,

pensasse e continuasse a pensare allo stesso modo, ci

sarebbe ben poco progresso, se alcuno.

 

Sono le diversità che ci rendono individui e che ci

arricchiscono come società, l'originalità di pensiero che

ci porta ad essere creativi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una sfida stimolante e senza fine anche perché le nuove

tecnologie, i processi e le tecniche, come l'inedito

sfruttamento di materie prime, la creazione di materiali

innovativi, vanno poi spesso a scontrarsi con i danni

causati ad ambiente ed umani, mettendo in crisi l'intero

sistema economico mondiale e, di conseguenza, anche

quelli politico e sociale.

 

Basti citare la crisi climatica esplosa dall'abuso di fonti

fossili di energia in due secoli di industrializzazione, il

carbone e il petrolio, con, a ricaduta, il sistema dei

trasporti e la versatile quanto “dannata” plastica...

 

 

Certo è che falso progresso ci obbligherà regolarmente

a ripensare i nostri modelli di business, affrontando

anche cambiamenti drastici e repentini e la traumatica

transizione da ben consolidati modelli di vita ad altri

poco o mai prima sperimentati o a lungo abbandonati.

 

Ogni crisi apre a nuove alternative ed è proprio qui che

c'è più bisogno di “visionari”, imprenditori che sappiano

“vedere oltre”, per farci uscire dall’emergenza entrando

in “un mondo diverso e migliore”.

 

 

Il vero imprenditore è un imperdonabile ottimista, dove

altri non vedono che problemi trova soluzioni, quando

gli altri lamentano carenze, si costruisce opportunità,

perché “non è la specie più forte o la più intelligente a

sopravvivere, ma la meglio adattabile ai cambiamenti”

(Charles Darwin).

 

“Apprendo, comprendo, intraprendo”, siamo da sempre

noi i Costruttori di benessere, la storia siamo noi, noi

la cultura.