Rassegna stampa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Detto di noi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

13-01-2001 - Corriere di Civitavecchia

Settimanale di informazione Litorale Nord

Anno III, Numero 2, 13 Gennaio 2001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano - È in arrivo 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  il “Business Centre”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Centro dedicato a Giuseppe

Bresciani è ormai una realtà,

sorgerà vicino alla stazione e

offrirà servizi alle imprese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano - È in arrivo

il “Business Centre”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Centro dedicato a Giuseppe

Bresciani è ormai una realtà,

sorgerà vicino alla stazione e

offrirà servizi alle imprese

 

L'architetture dell'ufficio in Via

Ettore Latini e le scritte

lasciavano immaginare

un'attività inconsueta

 

L'ideatore dell'iniziativa, Luciano

Russo, intende coinvolgere i neo

laureati presenti nel

comprensorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano

 

Un nuovo centro di servizi nasce

nel cuore della città.

 

Il Giuseppe Bresciani Business

Center è ormai diventato una

realtà.

 

La struttura, dedicata alla

fornitura di servizi alle imprese si

trova nel centrale quartiere della

stazione.

 

Già da alcuni mesi tutti si

chiedevano cosa si stesse

allestendo negli negli uffici di Via

Ettore Latini.

 

Il design e lo stile esterno della

struttura lasciava immaginare

qualcosa di assolutamente

inconsueto e la stessa sensazione

di stupore e curiosità era

suscitata dalle scritte in inglese o

peggio in svedese che di tanto in

tanto erano affisse all'ingresso

dei locali.

 

Mentre la curiosità cresceva,

all'interno degli uffici si stava

lavorando per realizzare una

struttura efficiente e

assolutamente innovativa, che

insieme alle altre iniziative

portate avanti da ISI, hanno

trasformato Bracciano nel centro

direzionale, politico ed

economico del territorio.

 

Artefice di tutta l'operazione è

stato Luciano Russo.

 

Cinquantenne, braccianese di

nascita e di origine, un look

particolare tutto suo, con alle

spalle una ricca esperienza

professionale maturata in Svezia

nel campo dell'informatica e dei

servizi alle imprese, ha decisione

di tornare nella sua città natale e

creare una struttura che all'inizio

a molti è sembrata utopistica.

 

Ha preso una parte dei locali

della casa materna e li ha

completamente restaurati e

innovati, poi ha battezzato la sua

struttura in onore del nonno

materno, noto imprenditore

locale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In realtà si tratta di un impianto

dotato di alcune postazioni di

lavoro, di una sala conferenze, di

una struttura di segreteria e di

consulenza che sarà in grado di

fornire società o ditte individuali

tutta l'accoglienza necessaria per

l'espletamento delle loro

funzioni.

 

Il “G. Bresciani Business Center”

però non è solo un albergo per

società, ma è molto di più.

 

La struttura sarà infatti gestita

da una nuova società, la AlterEgo

Management & Consulting, che

sarà in grado di fornire servizi

alle imprese che si assoceranno

al centro. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scommessa di Russo era che

una struttura del genere avrebbe

sicuramente aiutato lo sviluppo

generale dell'economia della

zona, coinvolgendo nella

realizzazione tutti giovani

neolaureali della città.

 

Ora uno si occuperà della

consulenza tributaria e fiscale,

un altro di quella relativa alla

gestione delle risorse umane e

organizzative, un altro ancora di

quelle relative al marketing e alla

promozione, dando vita ad una

struttura complementare che

integrerà i servizi offerti dal

centro.

 

“Il nostro primo obiettivo - ha

detto Luciano Russo - è stato

raggiunto.

 

Ora dobbiamo proseguire nella

nostra attività in piena sintonia

con ISI per quanto riguarda il

centro di Bracciano e con il BIC

Lazio per le altre attività relative

al resto della Regione.

 

Il ‘G. Bresciani’ è già diventato

un modello che ci hanno chiesto

di replicare anche in altre città

come Tivoli, Civitavecchia e

Viterbo”.

 

“Quello che vorrei sottolineare -

ha aggiunto Russo - è che siamo

disponibili e sempre aperti a

trovare delle sinergie soprattutto

con le Amministrazioni locali.

 

Il nostro vero scopo è quello di

aiutare e stimolare la creazione

di nuove imprese e migliorare

quelle esistenti.

 

D'altra parte - ha concluso - se

l'Amministrazione non avesse

dato segnali importanti, come la

creazione di ISI non avremmo

mai scelto di realizzare questa

iniziativa.”

 

 

Emanuele Perugini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

08-03-2001 - Il Resto

Quotidiano Regionale (Lazio)

Anno V, Numero 7, 8 Marzo 2001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma Caput Mundi,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano secundi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma delude la provincia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma Caput Mundi,

Bracciano secundi

 

Roma delude la provincia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di Emanuele Perugini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che un centro di dodicimila anime

abituate ogni mattina a

pendolare verso la capitale

potesse superare Comuni ben più

importanti e organizzati come

Genova, Sondrio, Lodi o Lecco,

nessuno, a Bracciano, riteneva

fosse possibile.

 

Nemmeno quelli che avevano

presentato il progetto per

partecipare alla gara nazionale

bandita per accedere al

finanziamento di 15 sportelli

unici per le imprese in tutto il

Centro Nord, Lazio e Abruzzo

comprese.

 

La sorpresa è arrivata a metà

dicembre quando il Dipartimento

della Funzione Pubblica della

Presidenza del Consiglio dei

Ministri ha reso note le

graduatorie relative al bando di

gara.

 

Tra i 119 partecipanti, la

proposta presentata da

Bracciano si è classificata al

decimo posto, ottenendo il

finanziamento richiesto di 250

milioni.

 

Quello dello sportello unico è

però solo l'ultimo dei progetti

finanziati con i fondi europei che

hanno trasformato il tranquillo

borgo in una piccola city di

provincia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto è iniziato nel 1996 quando

il sindaco diessino Giuliano Sala,

accolse e sostenne la proposta di

creare una società consortile,

l'ISI che raccogliesse al suo

interno anche quelli della

Provincia di Viterbo oltre che al

BIC Lazio e un istituto di credito

locale.

 

Da allora, in sordina, si è iniziato

a lavorare per dare un senso a

quella landa che nemmeno i

romani conoscono bene.

 

Prima di tutto una vasta

operazione di maquillage: per

tutto il territorio che va dal Lago

di Bracciano fino ai Monti della

Tolfa e che comprende a Nord

anche molti Comuni della

Provincia di Viterbo, si è scelto

un nuovo nome, la Tuscia

Romana, si è creato un logo, la

raffigurazione di un guerriero

etrusco a cavallo ripreso dalla

'Tomba dei cavalli' di Tarquinia e

si è inventato uno slogan, 'Saperi

e Sapori d'Etruria'.

 

Parallelamente ci si è occupati

della creazione di infrastrutture

di servizio che potessero far

nascere nuove imprese private,

soprattutto giovani, in un

territorio dove al massimo

esistevano pochi laboratori

artigiani, e qualche cooperativa

agricola.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È nato così un incubatore

d'impresa, un consorzio turistico,

un centro per la formazione, due

aree industriali e si sono

elaborati, coinvolgendo anche

 

quei noti ghiottoni della Slowfood

Arcigola, i piani per la

valorizzazione dei prodotti tipici

agroalimentari, soprattutto olio

d'oliva e acquacotta.

 

Nello stesso tempo si è tentato di

valorizzare le risorse ambientali

realizzando, tra mille difficoltà,

non ancora del tutto superate, il

Parco dei Laghi di Bracciano e

Martignano.

 

Inevitabile che, dopo tanto

sgomitare arrivassero gli

imprenditori.

 

I primi in assoluto sono stati i

francesi della multinazionale

Microcast che hanno scelto di

costruire alle porte di Bracciano il

loro impianto italiano per la

realizzazione di parti meccaniche

mediante il metodo della fusione

a cera persa che dà lavoro a

qualche decina di persone.

 

Tra i loro clienti la Ferrari.

 

Dopo di loro ad accorgersi che

qualcosa si stava muovendo sono

stati gli svedesi del gruppo

AlterEgo & Partners, una società

che dalla fine degli anni ottanta

si occupa di informatica per

 

servizi alle imprese e che ha

creato un sistema di gestione

personalizzata dell'informazione

e che distribuisce in Europa il

sistema Factiva, nato dalla

sinergia tra l'inglese Reuters e

l'americana Dow Jones.

 

La storia degli svedesi è però una

storia tutta paesana.

 

Artefice di questa operazione è

stato infatti Luciano Russo,

cinquantenne, braccianese puro,

che dopo essere andato a

Stoccolma per motivi di lavoro è

tornato dopo venti anni con l'idea

di portare con sé un po' di Svezia.

 

Allora ha trasformato una parte

della casa dei suoi genitori, una

villetta in stile anni '30 nel cuore

del centro cittadino in un centro

di servizi per società dando a

tutta la struttura il nome di

Giuseppe Bresciani Business

Center, suo nonno materno.

 

Poi ha coinvolto un gruppo di

giovani neolaureati ed ha

costituito insieme a loro la

AlterEgo Management and

Consulting che avrà il compito di

gestire il centro e di offrire

servizi di consulenza alle

imprese.

 

Adesso sembra che i Centri G.

Bresciani sbocceranno un po' in

tutto il Lazio, a Tivoli, Viterbo e

Civitavecchia.

 

Bracciano docet.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

12-03-2002 - www.lagonline.it

Notiziario telematico del Lago di Bracciano

12 Marzo 2002

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tuscia Romana:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

l’Unione Industriali di Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

guarda a Nord*

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tuscia Romana:

l’Unione Industriali di Roma

guarda a Nord

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Primo passo: un Convegno

aperto a tutti gli imprenditori

dell'area.

 

Obiettivo, canalizzare le forze

verso vie di sviluppo innovative,

anche attraverso la

modernizzazione delle vocazioni

primarie: turismo e agricoltura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Quali progetti di sviluppo per

favorire la diversificazione

produttiva e l'occupazione della

Tuscia Romana?
 

Per rispondere a questa domanda

l'Unione degli Industriali di Roma

ha deciso di dare il via a una

serie di iniziative concrete.


“Partiamo da un
Convegno che

avrà luogo il prossimo 14 marzo

nella Sala Conferenze della Banca

di Credito Cooperativo di

Trevignano Romano”, spiega il

responsabile per il Litorale Nord

della UIR, dottor Ferdinando

Bitonte.

 

“Si tratta di un primo passo,

pensato per creare i collegamenti

necessari fra imprese,

Amministrazioni, Enti locali e

altra realtà che è indispensabile

coinvolgere per ottenere risultati

concreti.

 

A questa iniziativa ne seguiranno

molte altre”.

 

Situata a cavallo fra la provincia

di Roma e quella di Viterbo, la

Tuscia Romana è uno

straordinario contenitore di

ricchezze paesaggistiche e

ambientali.

 

Articolata sui territori di una

ventina di Comuni che fanno

perno intorno al lago di Bracciano

e ai Monti Sabatini, l'area gode di

molti vantaggi.

 

“Non è lontana da Roma”, spiega

ancora Bitonte, “ma è proiettata

verso il Nord del Paese.

 

L'aeroporto internazionale di

Fiumicino è facile da raggiungere,

mentre la vocazione turistica

rappresenta un'ottima base

produttiva.

 

Quello che occorre è un modello

di sviluppo che sappia far da

ponte verso il futuro.

 

Vogliamo lavorare concretamente

in questa direzione, collaborando

con tutte le componenti

interessate”.

 

Il modello a cui pensano gli

uomini dell'Unione Industriali di

Roma prevede - tra l'altro - una

rete di insediamenti produttivi ad

alto contenuto tecnologico ma a

basso profilo ambientale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giorgio Simeoni

Vice Presidente e Assessore

al Lavoro Regione Lazio